Record consumi etnici nel 2015, cresciuti del 18%

martedì 29 Settembre 2015 di Staff Giovani Impresa

A far segnare il maggior incremento degli acquisti nel 2015 sono i prodotti etnici con un aumento record del 18% rispetto allo scorso anno, in una situazione di consumi alimentari sostanzialmente stagnante. È quanto afferma la Coldiretti sulla base del rapporto Coop, che evidenzia il profondo impatto dell’immigrazione sulla vita quotidiana.

Per i cibi etnici si tratta di un vero boom in atto dall’inizio della crisi, in netta controtendenza con il taglio generale degli acquisti in Italia. Dal 2007 ad oggi i consumi di prodotti etnici in Italia sono praticamente raddoppiati (+93%), sia per effetto della presenza di immigrati, ma anche per una maggiore propensione degli italiani ad assaggiare ricette straniere, sotto la spinta dell’integrazione con le nuove comunità presenti in Italia.

Il 16% degli italiani compra abitualmente cibi etnici, mentre 1 italiano su 5 va al ristorante etnico una volta al mese. Una tendenza favorita dalla crescente presenza degli stranieri nelle attività commerciali e nel settore della ristorazione. Dai dati Unioncamere relativi alla registrazione delle nuove imprese, si evince che tra il 2011 ed il 2014 proprio il comparto della ristorazione è cresciuto dell’1,6%: dei ristoranti di nuova apertura, quasi 1 su 3 è etnico. Se ne contano circa 190mila in tutto il territorio nazionale.

Un cambiamento che ha influenzato anche la diffusione di nuove coltivazioni in Italia. Tra le tante nuove produzioni, le più richieste sono il cavolo pakcioi e la jiǔcài (simile all’erba cipollina), molto utilizzata nelle preparazioni a base di maiale, particolarmente gradite ai palati orientali, ma anche gustata alla griglia. In crescita sono anche le colture particolarmente utilizzate all’estero, dallo zenzero al coriandolo, dalla cannella alla curcuma.