Piemonte, aperto il bando Psr per i giovani agricoltori

venerdì 10 Maggio 2019 di Redazione Giovani Impresa

Psr giovani PIemontePsr giovani PIemonte

Regione Piemonte

Misura 6.1: Aiuto all’avviamento di impresa per giovani agricoltori

Data di scadenza 15-07-2019

L’operazione è finalizzata a concedere un sostegno (Premio di Insediamento) ai giovani agricoltori per l’avviamento di un’impresa agricola.

I soggetti richiedenti sono chiamati a presentare un Piano Aziendale attraverso il quale descrivere il progetto di sviluppo che intendono realizzare nell’ambito dell’azienda oggetto di insediamento; progetto di sviluppo che dovrà essere completato entro un arco temporale non superiore a 24 mesi (dalla data di ammissione al contributo).

Possono presentare l’istanza i giovani agricoltori che, al momento della presentazione della domanda di sostegno, hanno un’età compresa tra i 18 (compiuti) ed i 41 anni (non compiuti) e sono già titolari (in qualità di capo dell’azienda) di un’impresa agricola localizzata sul territorio della regione Piemonte, da non più di 12 mesi.

Parallelamente il nuovo bando amplia tale ultimo parametro temporale, prevedendo che la richiesta di ottenimento del premio di insediamento possa essere presentata anche da giovani già titolari di un’impresa agricola da non più di 24 mesi (condizione subordinata all’approvazione, da parte della Commissione Europea, della proposta di modifica al PSR 2014-2020 della Regione Piemonte).

Relativamente ai requisiti (soggettivi ed oggettivi) ritenuti necessari che occorre rispettare, si rileva:

  • Agricoltore in attività(ai sensi del Reg. Ue n. 1307/2013): tale requisito dovrà essere soddisfatto non oltre il termine di 18 mesi dalla data di ammissione al sostegno;
  • Qualifica di Imprenditore Agricolo Professionale: le conoscenze e competenze professionali, dovranno essere acquisite entro 24 mesi dalla data della decisione inerente la concessione del premio di insediamento;
  • Caratteristiche impresa: all’atto della presentazione della domanda di sostegno l’azienda agricola in cui il giovane si insedia, deve avere una dimensione economica minima pari a € 10 mila di produzione standard se situata in zona montana, ovvero di € 15 mila di produzione standard se situata in una zona diversa. La dimensione economica massima, invece, non può superare la soglia di € 250 mila, sempre in termini di produzione standard.

Il Premio di Insediamento consiste in un contributo – una tantum – pari a € 35 mila (maggiorato di € 10 mila, se l’insediamento avviene in zona montana). In presenza di insediamento congiunto di più giovani, lo stesso è ridotto a € 30 mila per ciascun giovane se i beneficiari sono due (maggiorato di € 7 mila per giovane, se l’insediamento avviene in zona montana) o € 25 mila in presenza dell’insediamento congiunto di più di due giovani (maggiorato, in questo caso, di € 5 mila per giovane, se l’insediamento avviene in zona montana).

La dotazione attuale del bando, si attesta in € 1,8 milioni.

Si rileva, inoltre, che qualora il neo imprenditore intenda effettuare ulteriori investimenti in un’ottica di miglioramento aziendale, lo stesso può presentare anche domanda di sostegno a valere sull’Operazione 4.1.1 (Miglioramento del rendimento globale e della sostenibilità delle aziende agricole – apertura bando: 08/05/2019 – chiusura bando: 15/07/2019), a condizione che le due domande non prevedano la realizzazione dei medesimi investimenti.

Clicca qui e per ulteriori informazioni vai all’ufficio di zona Coldiretti.