Terremoto, giovani Coldiretti in aiuto delle popolazioni colpite

mercoledì 24 Agosto 2016 di Redazione Giovani Impresa

Terremoto in centro ItaliaTerremoto in centro Italia

Il terremoto ha lasciato stalle distrutte, casolari crollati, mancanza di energia elettrica e strade rurali interrotte che ostacolano nelle campagne isolate le necessarie operazioni di assistenza alla popolazione ma anche l’alimentazione, la mungitura, la cura degli animali e la consegna del latte, con migliaia di litri perduti.

E’ quanto emerge dal primo monitoraggio della Coldiretti che ha avviato una capillare azione di verifica della situazione e di solidarietà nelle aree rurali circostanti i Paesi colpiti dal sisma. Gli imprenditori agricoli della Coldiretti sono però anche impegnati a collaborare con la Protezione Civile, con i Comuni e con le strutture di soccorso mettendo a disposizione anche trattori e forniture alimentari” ha affermato il presidente Roberto Moncalvo “nell’ esprimere cordoglio alle famiglie delle vittime e vicinanza a quanti sono stati duramente colpiti”. E” stata attivata dalla Coldiretti – ha precisato Moncalvo – una specifica Unità di crisi per affrontare l’emergenza nelle aree colpite, che sono a forte vocazione agricola e allevatoriale, con l’avvenuta prima consegna di frutta e verdura, carne, olio di oliva, vino e pasta per gli sfollati nei comuni interessati dal sisma e sono stati attivati centri di raccolta della Coldiretti per beni di prima necessità in numerose Province.

“Dalle prime ore del giorno”-ha dichiarato Maria Letizia Gardononi Presidente nazionale Coldiretti Giovani Impresa-” i giovani agricoltori di Coldiretti si stanno operando in aiuto delle popolazioni colpite dal sisma raccogliendo e distribuendo cibo. Si tratta di un’azione di solidarietà verso persone che stanno affrontando gravissime difficoltà e momenti di profonda paura”