Agromafie, sono oltre 100.000 i controlli effettuati nel 2015

mercoledì 17 Febbraio 2016 di Staff Giovani Impresa

La lotta alle agromafie garantisce all'Italia il primato nella qualità alimentareLa lotta alle agromafie garantisce all'Italia il primato nella qualità alimentare

Sono oltre 100.000 i controlli effettuati dalle forze dell’ordine nel 2015, per combattere le agromafie dal campo allo scaffale e garantire all’Italia il primato nella qualità e nella sicurezza alimentare. E’ quanto afferma il presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo, in occasione della presentazione del quarto Rapporto sui crimini agroalimentari in Italia elaborato da Coldiretti, Eurispes e Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare. Un’ attività di controllo quotidiana e capillare tra il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute (Nas), Nuclei Antifrodi Carabinieri (NAC) del Ministero delle Politiche Agricole e Alimentari, lo SCICO-GDF, il Corpo Forestale ora confluito nel Comando Unità per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare dell’Arma e l’Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari.

Si tratta di un presidio a difesa non solo del tessuto economico, ma anche della salute dei cittadini, dell’ambiente e dell’intero territorio nazionale. “In Italia le attività criminali nell’agroalimentare, si scoprono perché c’è una attività di controllo all’avanguardia a differenza di quanto avviene in altri Paesi dentro e fuori dall’Unione Europea” ha precisato Moncalvo. Secondo uno studio di Coldiretti, l’Italia è il Paese con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici irregolari (0,4%), quota inferiore di quasi 4 volte rispetto alla media europea (1,4%) e di quasi 20 volte quella dei prodotti extracomunitari (7,5%), ma anche quello con le regole produttive più rigorose nelle caratteristiche dei prodotti alimentari, dal divieto di produrre pasta con grano tenero, a quello di utilizzare la polvere di latte nei formaggi fino al divieto di aggiungere zucchero nel vino, che non valgono in altri Paesi dell’Unione Europea, dove si assiste ad un crescendo di diktat alimentari finalizzati a surrogati, sottoprodotti e aromi vari che snaturano l’identità degli alimenti. Senza dimenticare la decisione nazionale, di vietare la coltivazioni di organismi geneticamente modificati (Ogm) fortemente sostenuta da Coldiretti il primato europeo con circa 50mila imprese agricole biologiche e la leadership nelle produzioni tutelate, con 280 specialità a denominazione di origine (Dop/Igp).