Sisma, 7 italiani su 10 scelgono regali all’insegna della solidarietà

giovedì 15 dicembre 2016 di Redazione Giovani Impresa

Sisma, cesto della solidarità con i prodotti salvati dalle macerieSisma, cesto della solidarità con i prodotti salvati dalle macerie

Una vera e propria rete di solidarietà quella messa in campo  da Coldiretti partita subito dopo le prime scosse del sisma che ha colpito il Centro Italia. Iniziata con gli aiuti alimentari a tutta la popolazione e continuata con il sostegno per garantire la funzionalità delle aziende agricole con la consegna di macchinari, sementi, concimi, mangimi e fieno per l’alimentazione degli animali ma anche camper, roulotte, moduli abitativi agli agricoltori ed agli allevatori per consentire di rimanere vicini ai propri animali giungerà entro la fine dell’anno alla consegna delle stalle mobili..

Ultimo in ordine cronologico l’appuntamento di Piazza Navona dove da oggi e per una settimana sarà possibile acquistare direttamente dagli agricoltori terremotati i prodotti salvati dalle macerie, dal Giuggiolone e vino di visciole marchigiani all’antica norcineria umbra, dagli squisiti formaggi e salumi abruzzesi alle golosità di Accumuli, aiutando concretamente e direttamente la ripresa economica ed occupazionale dei territori colpiti dal sisma.

“Ora con l’inizio dell’inverno gli animali sono tornati dal pascoli in montagna nelle aziende e c’è bisogno di garantire fieno e mangimi per l’alimentazione” ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che “per dare continuità all’attività produttiva è nata la caciotta della solidarietà, ottenuta con il latte raccolto dalle stalle terremotate che 25mila italiani hanno già acquistato nei mercati di Campagna Amica dove lungo tutto lo Stivale si moltiplicano per le feste di fine anno le iniziative di ospitalità degli agricoltori delle aree terremotate per consentire la vendita dei prodotti salvati dal sisma”. Sono stati acquistati quasi diecimila cesti di Natale con i prodotti delle aree terremotate anche grazie all’enorme successo della vendita on line dal sito http://ricostruire.coldiretti.itche si è appena conclusa.

Si tratta di attività che trovano conferma nella propensione degli italiani a prediligere, per queste festività 2016, regali gastronomici, all’insegna della solidarietà e dell’utilità come mostra un’analisi Coldiretti/Ixè per le festività di fine anno 2016 dalla quale emerge che 7 italiani su 10 hanno deciso di partecipare a Natale ad iniziative di solidarietà per il terremoto donando con sms o su conto corrente per il 33%, tramite associazioni per il 13% e per ben il 24% acquistando prodotti tipici dei territori colpiti dal sisma.

Per aiutare le aree rurali è anche attivo uno specifico conto corrente denominato “COLDIRETTI PRO-TERREMOTATI” (IBAN: IT 74 N 05704 03200 000000127000) dove indirizzare la raccolta di fondi.