OGM: Dopo flop in UE, bene distruzione piante biotech in Friuli

OGM: flop in UE con solo 2 paesi a coltivarli. Bene distruzione piante biotech in Friuli

martedì 10 luglio 2018 di Redazione Giovani Impresa

Mais OGMMais OGM

OGM, sono rimasti solo due Paesi a coltivare organismi geneticamente modificati in Europa dove si registra un ulteriore calo della superficie seminata pari al 4%. Lo rende noto Coldiretti nel fare un bilancio della coltivazione Ogm in Europa sulla base dell’ultimo rapporto ISAAA, in occasione della tempestiva decisione del Corpo forestale regionale del Friuli Venezia Giulia, opportunamente intervenuto, per abbattere le piante di mais Ogm seminate illegalmente a Vivaro (Pordenone) e Colloredo di Monte Albano (Udine), su disposizione del Ministero delle Politiche agricole.

Un atto importante per ripristinare la legalità nei confronti di un reato ambientale poiché l’Italia è tra la maggioranza dei Paesi membri dell’Unione che ha scelto di vietare la semina di Ogm sulla base della direttiva Ue approvata nel 2015.

La superficie europea coltivata a transgenico in Europa risulta pari ad appena 131.535 ettari rispetto ai 136.363 dell’anno precedente. Nel 2017 infatti le colture OGM sopravvivono nell’Unione Europea solo in Spagna (124.227) e Portogallo (7.308) dove tuttavia si registra una riduzione delle semine del mais MON810, l’unico coltivato. Anche Repubblica Ceca e Slovacchia hanno infatti abbandonato la coltivazione e si sono aggiunte alla lunga lista di Paesi «Ogm free» dell’Unione Europea.

Le scelte degli agricoltori europei sono la dimostrazione concreta della mancanza di convenienza nella coltivazione Ogm nonostante le proprietà miracolistiche propagandate dalle multinazionali che ne detengono i diritti. Quasi 8 italiani su 10 (76%) peraltro si oppongono oggi al biotech nei campi, secondo una indagine Coldiretti/Ixe’.

“Per l’Italia gli organismi geneticamente modificati in agricoltura non pongono solo seri problemi di sicurezza ambientale, ma soprattutto perseguono un modello di sviluppo che è il grande alleato dell’omologazione e il grande nemico del Made in Italy” ha affermato il presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo.