Giovani e agricoltura: il Master in Diritto Alimentare

venerdì 19 dicembre 2014 di Staff Giovani Impresa

640750_51492253

Non solo lavorare-in-agricoltura, ma anche apprendere: nuove opportunità per parlare sempre di più la lingua del Made in Italy arrivano con corsi specialistici post-lauream come, ad esempio il Master di II Livello in Diritto Alimentare. Questo percorso di studi ha come fine, quello di completare il bagaglio culturale di tutti coloro che desiderano fare un’analisi più approfondita del Diritto Alimentare nella sua dimensione multilivello, comprensiva della normativa di fonte nazionale, regionale, UE, ed internazionale, nonché delle normative tecniche e di fonte volontaria, tenendo conto delle peculiarità che caratterizzano i contesti organizzativi pubblici e privati.

Il corso è stato istituito con il DISTU, insieme al Dipartimento per l’Innovazione dei sistemi biologici, agroalimentari e forestali della Tuscia, in consorzio con l’Università Campus Bio-Medico di Roma, ed in cooperazione con il Mipaaf, NAF (Nucleo Agroalimentare Forestale del Corpo Forestale dello Stato) e Osservatorio sulla criminalità nell’agroalimentare. In una circostanza in cui oggigiorno (soprattutto a causa della crisi) sono tanti i giovani under 35 che desiderano puntare tutto nel settore agroalimentare, questo Master offre l’opportunità di avere una (in)formazione più completa, sia a livello pubblico che a livello privato.
Il corso è didatticamente articolato in 12 moduli che vanno dai principi e regole del diritto alimentare, fino al marketing, passando l’etichettatura, Made in Italy e il controllo della qualità dei prodotti.
Le lezioni punteranno ad offrire tutti gli strumenti necessari alla commercializzazione e marketing dei prodotti, tenendo conto delle nuove linee disciplinari emergenti, con l’analisi e l’approfondimento delle proposte di riforma attualmente in discussione in sede nazionale, europea ed internazionale.

Diversamente da quanto riportato sul bando  la scadenza delle iscrizioni è stata prorogata al 31 dicembre p.v. Allo stesso indirizzo, potrete trovare tutte le informazioni necessarie che riguardano la presentazione delle domande e i contributi di iscrizione.