Export Made in Italy: nuovo stop Mosca costa caro all’Italia

giovedì 23 ottobre 2014 di Staff Giovani Impresa

made-in-italy-russia

Costa all’Italia altri 3,2 milioni di euro all’anno l’estensione dell’embargo deciso dalla Russia sull’import di farine animali, grassi di bovini, suini e pollame, e altri derivati di bovini e suini provenienti dall’Ue, appena entrato in vigore. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti nel commentare l’annuncio dell’Rosselkhoznadzor, l’ente federale che controlla la qualità dei prodotti agricoli in Russia. Il pretesto della nuova misura è il rilevamento in  17 casi della presenza di sostanze vietate in derivati bovini provenienti da Italia, Austria, Ungheria, Germania, Danimarca e Polonia.

Un conto pesante per l’Italia, dove sono già crollati del 63% in un mese le esportazioni di prodotti agricoli in Russia nel primo bilancio dell’embargo scattato dal 7 agosto, con il divieto all’ingresso di una lista di prodotti agroalimentari che comprende frutta e verdura, formaggi, carne e salumi, ma anche pesce. Complessivamente si è verificato un calo delle esportazioni di tutti i prodotti Made in Italy del 16,4% con un taglio di 33 milioni di euro nel solo mese di agosto che riguarda tutti i principali settori, dall’agricoltura al tessile (-24,8%), dai mezzi di trasporto (-50,1%) ai mobili (-17,8%), dai farmaceutici (-32,3%) agli apparecchi elettrici (-15,9%). Dall’analisi è evidente – precisa la Coldiretti -che  le tensioni politiche hanno avuto riflessi anche sugli scambi anche di prodotti non colpiti direttamente dall’embargo, ma particolarmente significativi per l’Italia.  Peraltro la situazione è destinata a peggiorare nel tempo con l’esaurirsi delle scorte.