Memoria di civiltà contadina, la storia di Raffaella Irenze

L’azienda Podere Malvarosa è un esempio perfetto di multifunzionalità agricola. Partendo dalla produzione dell’olio EVO per arrivare alla recupero di frutti antichi autoctoni e alla raccolta di fiori e delle piante officinali. Tante le attività di questa giovane “seed saver”, tutte da scoprire

Questa è la storia di Raffaella Irenze, una giovane agricoltrice ritornata a Melfi, in provincia di Potenza, dopo aver vissuto una decina di anni in Nord Italia, dove studiava e lavorava in agricoltura e nel campo erboristico. Dopo aver ristrutturato il podere dei nonni e acquistato i terreni ha dato avvio all’azienda, riprendendo la produzione di olio extra vergine di oliva seguendo gli insegnamenti dei nonni che impiantarono una parte di olivi che oggi lei stessa coltiva. È così che, grazie anche all’aiuto dei genitori, è nato Podere Malvarosa, progetti di terra e vita dal Vulture, una realtà di sette ettari con certificazione biologica che annovera anche un piccolo orto di piante officinali per la vendita ai clienti.

Settembre 2010 190 rid

L’oliveto è composto da circa novecento piante, di cui alcune cultivar locali quali ogliarola del vulture e cima di Melfi, e il resto di coratina, peranzana e frantoio. Dal mix di queste Raffaella ottiene un blend che richiama i sapori forti del Sud Italia, racchiuso in Vòria, un olio extra vergine di qualità superiore che al suo primo anno ha già ricevuto premi quale “Olivarum” con menzione speciale per la migliore etichetta, due foglie Gambero Rosso nella guida oli, miglior olio Slow Food Basilicata.

IRENZE2 rid

Ma la vera passione di questa giovane agricoltrice è il recupero frutti antichi autoctoni. Lei stessa si definisce una “seed saver”: “Recupero da oltre dieci anni semi di varietà tradizionali ormai dimenticate o quasi perse, soprattutto di ortaggi, ma anche alcune varietà di frutti”. Grazie agli insegnamenti ricevuti quando era ragazzina della nonna, raccoglie erbe spontanee e con esse organizza “cene selvatiche” in collaborazione con gli chef del territorio.

IRENZE rid

Nell’orto di Raffaella si coltiva dallo zafferano alle piante da fiore, sia eduli destinati alla ristorazione, che ornamentali. Da sempre innamorata dei fiori e delle piante officinali, Raffaella ha seguito gli studi in Tecniche Erboristiche che le hanno permesso di avviare in azienda un progetto sulla coltivazione e produzione di cosmetici naturali. La sua è una realtà in continua evoluzione che trova nuovi spunti e attività nella passione per la terra e nella voglia di recuperare la memoria orale della civiltà contadina grazie anche a un progetto di “orto medievale” presentato come didattica durante le feste medievali. Ma non è finita qui, in programma c’è la costruzione di un laboratorio di trasformazione prodotti alimentari.

Azienda agricola Raffaella Irenze

Grande importanza, infine, è riconosciuta all’attività didattica, iniziata ancora prima di avviare l’azienda con la realizzazione di orti nei giardini delle scuole, oggi presenti e operativi nel Podere Malvarosa.