Carlo Maria e quella sua passione per un’agricoltura più sostenibile

Azienda Agricola 2º  classificato Ideando

Scopri come aderire a Coldiretti Giovani Impresa

Fare l'agricoltore è il lavoro più bello, ma sicuramente anche il più difficile. Occorre grande pazienza, cura, dedizione e tanta tanta passione, rispetto della natura e fiducia nella terra

Carlo Maria è un giovane agricoltore di prima generazione: la famiglia che ha alle spalle, infatti,  non aveva contatti con il mondo agricolo, ma la grande passione per la natura e per l’agricoltura lo hanno spinto ad iscriversi all’Istituto Agrario dove sin da subito si è interessato di biodiversità e colture particolari.

CMR-6--780x480
Proprio durante il corso di studi, Carlo è venuto a conoscenza del mais nero e,  immediatamente si è attivato per recuperare dei semi e provare a coltivarli nel suo terreno, che si trova in provincia di Cremona. Carlo ha dunque coniugato agricoltura ad innovazione pensando proprio al mais nero – varietà antichissima, che già conoscevano i Maya – come idea per il suo futuro da imprenditore agricolo.

CMR-8--780x480

L’inizio è stata una vera e propria scommessa: con appena 40 semi a disposizione, Carlo è riuscito nel tentativo di moltiplicarli per due anni consecutivi, e non appena conseguita la maturità, ha deciso di aprire la propria azienda agricola che si basa sulla coltivazione e trasformazione del mais corvino in farina e nettare e un energy-drink ottenuto grazie all’infusione del mais corvino in acqua.
Dato il successo ottenuto, l’anno seguente a questi due prodotti Carlo ha deciso di aggiungere anche biscotti vegani, grissini, birra e pane. La ricerca è fondamentale all’interno dell’azienda di Carlo: il giovane agricoltore, infatti continua a studiare anche perchè tra i suoi progetti c’è una birra di mais corvino gluten-free.

CMR-3--780x480

La scelta di Carlo seppur vincente è molto impegnativa: a partire dal mese di settembre, infatti, il giovane agricoltore lavora tutto il giorno tra macinare i semi ed etichettare il prodotto finale e per fare tutto questo ci vuole davvero una grande passione per la terra e l’agricoltura.