Giovani Imprenditori

I nostri giovani si raccontano

6 Aprile 2020

Luca Ravera, da ingegnere meccanico alla passione per le lumache

This Google Map cannot be loaded because the maps API does not appear to be loaded

Il logo aziendale riproduce il guscio di una lumaca e fornisce un indizio sull'attività che si sviluppa negli spazi sottratti alla viticoltura.

Luca ha 28 anni ed è stato papà Roberto ad avere l’idea nel 2014 di creare La Spira, chiusa la storica ferramenta “Peloso” di Ovada. Le lumache qui nascono, crescono e si vendono: vive, per chi le cucina con dimestichezza, o in barattolo, sotto forma di sughi e piatti pronti, un “fast food” per palati raffinati. Partiti con 25 mila fattrici acquistate all'Istituto internazionale di elicicoltura di Cherasco, che dà la sua garanzia di qualità, adesso il numero è oltre 300 mila, su un potenziale di 600 mila e molto spazio per crescere.

L’azienda è situata sulle colline di Tagliolo. Tra le vigne tipiche dell’Ovadese, dove altre aziende agricole sono nate negli ultimi anni, Luca Ravera ha scelto di allevare lumache, storia simile a quella di tanti altri giovani che hanno optato per un ritorno alla campagna per avviare il loro progetto di vita. L’allevamento è diviso in due: una parte destinata alla riproduzione, dove gli animali nascono tra le foglie di radicchio, e un’altra per l’ingrasso, in cui vengono nutriti con cavolo, bietola e girasole.

«Tutti coltivati da noi, il ciclo è biologico». Nessuno stress, per le lumache, neppure quando le si sposta da un recinto all'altro: sull'insalata, di notte, si appoggiano fogli di carta su cui loro, ghiotte di cellulosa, strisciano. Così il trasloco avviene senza traumi.

La razza è la Helix Asperia, detta “vignaiola, che ben si accompagna con il panorama locale.

“La fatica è tanta – racconta Luca - si lotta con uccelli e parassiti, a volte ti chiedi chi te l’ha fatto fare. Ma la passione è immensa, ormai è il mio mondo”.

Per tuffarcisi ha temporaneamente messo da parte gli studi di Ingegneria meccanica al Politecnico di Torino e un lavoro nel negozio di Prada all’Outlet. L’obiettivo? “Far scoprire la bontà delle lumache ai miei coetanei” continua Luca.

Con gli amici ci è riuscito e uno di loro, lo chef Federico Ferrari, ora lo affianca alle fiere, servendo squisiti spiedini di lumaca.

Ma La Spira non è solo all'allevamento per “chiocciole da gastronomia” il metodo che viene adottato le rende perfette per l'estrazione di una delle materie più pregiate e ricercate in cosmetica e non solo: la bava. E grazie a questa eccezionale secrezione è nata la linea S'AGAPO'.

Share on: