Edipo re, la rotta verso la bellezza

Quella barca di Pasolini oggi è vetrina del Made in Italy: turismo esperienziale con prodotti di imprese agricole sociali

Si chiamava “Rapido” e salvò i profughi istriani dalla guerra. Poi divenne la barca di Pierpaolo Pasolini e del suo amico, l’artista Giuseppe Zigaina. Qui la Callas trovò ospitalità durante le riprese del film Medea. E sempre qui la storia del cinema italiano ha conosciuto momenti memorabili.

ISOLA-DI-EDIPO-RE-rid-1

Poi l’oblio, fino a quando Angelo Righetti, noto psichiatra e papà di Sibilla, che ha conosciuto Pier Paolo Pasolini, corre in cantiere per riportarla in vita. E rieccola nella Laguna di Venezia, affidata allo spirito avventuriero di Sibylle Righetti – finalista di Oscar Green 2018 nella categoria Noi per il Sociale – ed Enrico per un turismo esperienziale, di vedute e di gusto. Scelgono i prodotti di eccellenza da una rete di circa 400 fattorie sociali italiane per poi offrirli agli ospiti di questa barca.

ISOLA-DI-EDIPO-RE-rid-3

I prodotti che la Edipo re offre sono “strabuoni”, perché il pietismo va sostituito con il protagonismo. E così insieme si può puntare alla bellezza. Questo è il messaggio che continua a veicolare questa prestigiosa imbarcazione che accoglie turisti da tutto il mondo e che imbarcandosi, ne condividono la filosofia.

ISOLA-DI-EDIPO-RE-rid-4

È così possibile fare rientro al tramonto con lo sfondo di San Marco e l’animo arricchito di esperienza e gusto.

GUARDA IL VIDEO