Giovani agricoltori: la Storia di Marco, Giulia e Paolo

Grazie alla lombricoltura, siamo riusciti a trasformare rifiuti: da una problematica è nata un'innovativa risorsa per l'ambiente

Giovani agricoltori, dai banchi del liceo Dini di Pisa ad Expo. Due ex compagni di classe, Marco Calcaprina e Giulia Carpi, nel 2013 hanno fondato insieme a Paolo Burba il Centro Lombricoltura Toscano (Clt), con sede a Orzignano. Giulia è un’agronoma, mentre Marco si è laureato in Scienze Ambientali. Paolo gestisce un’azienda di assistenza per macchinari agricoli. Il Clt è un’azienda agricola che produce humus di lombrico, un fertilizzante organico ottenuto attraverso la tecnica della lombricoltura, riciclando rifiuti organici di aziende agricole locali. “Un riciclo a chilometro 0: questo humus può essere usato sia a livello professionale da aziende biologiche e non, sia da hobbisti, appassionati di giardinaggio, coltivatori di piccoli orti. Questa è la nostra attività principale – spiega Marco. Nel settembre 2014 abbiamo vinto l’Oscar Green, premio conferito ad aziende agricole giovani che portano un’innovazione nell’ambito della green economy”.

Lombricoltura_1
“Abbiamo vinto un bando del Ministero dell’Agricoltura “nuovi talenti imprenditoriali”, dedicato a startup del mondo agro-alimentare. Siamo l’unica azienda della provincia tra le 25 che si sono aggiudicate il premio, ad aver presentato il proprio progetto ad Expo”.  Il Clt realizza anche piccoli impianti di vermi-compostaggio, grazie al quale ognuno può riciclare gli scarti organici a casa propria con piccole lombri-compostiere. “Si può posizionare sul balcone di casa o in giardino, per creare un fertilizzante da usare per le piante. Questo è un buon modo per infondere nelle famiglie i concetti di rispetto dell’ambiente e di corretta gestione del rifiuto. Abbiamo anche un centro di educazione ambientale: organizziamo eventi e laboratori nelle scuole”.

Lombricoltura_2

Clt partecipa alle fiere della provincia, come l’Agrifiera di Pontasserchio, dove spesso organizza percorsi didattici per bambini, partendo dalla simpatica figura del lombrico: un metodo semplice e divertente che fa riflettere su temi importanti. “Stiamo portando avanti una ricerca sul contenuto e la qualità del prodotto che offriamo. Un nostro collaboratore è un ricercatore scientifico e lavoriamo anche con il centro di ricerche ambientali di Pescia. Investiamo per valutare gli effetti curativi del nostro prodotto sulle piante”.

Lombricoltura_5