Sandra e l’avventura alla scoperta del giallo

La Reseda, una pianta tintoria, viene utilizzata per tingere tessuti innovativi ricavati da materiali di recupero

Sandra, partita da Brescia per seguire gli studi di biologia molecolare, è arrivata in America e in Turchia, per poi essere catapultata in una terra mai visitata prima, le Marche. E lì è iniziata la sua avventura alla scoperta del giallo. Certo, il giallo. Quello prodotto da una pianta tintoria tanto particolare quanto storica che qui sembra esprimere il massimo della sua tensione cromatica.

QUARANTINI SANDRA COLOR OFF_3 rid

Sandra – finalista di Oscar Green 2018 nella categoria Creatività – è affascinata dal mondo dei colori naturali, dalla loro predisposizione alla manualità e operosità artigianale, dalla tradizione italiana nelle tinte naturali. E allora via alla coltivazione e lavorazione della Resèda, che in questi terreni rende esattamente il doppio in termine di efficacia del pigmento, rispetto ad altre aree in cui viene coltivata.

QUARANTINI SANDRA COLOR OFF_9 rid

La giovane pensa a tutto: dalla coltivazione all’essiccazione, fino al processo di bollitura e di estrazione del pigmento. Attenzione, non è per una piccola nicchia di pubblico; sono molti infatti ad avvicinarsi al mondo del prodotto di qualità ed ecologico.

QUARANTINI SANDRA COLOR OFF_8 rid

Si parte dal giallo, ma si vira anche verso il blu del Guado o il rosso della Robbia. Mentre il giallo, di suo, consente almeno altre 5 o 6 variazioni che arrivano fino al verde. Sandra ha un sogno nel cassetto: utilizzare la Reseda per un prodotto cosmetico, grazie alla sua potente capacità di protezione dai raggi UV.

QUARANTINI SANDRA COLOR OFF_17 rid

Guarda il video