Azienda agricola tra Gusto e Tradizione: la Storia di Giacomo

Giacomo, nonostante la sua giovane età, ha ben delineato il suo futuro. Egli è un promettente imprenditore che con orgoglio e saper fare promuove e racconta alcuni prodotti tipici del luogo in cui vive e lo fa in maniera semplice ed efficace

Serrastretta, comune del Reventino, nella provincia di Catanzaro, ospita al suo interno una variegata e importante tradizione agroalimentare e quella che presentiamo è l’attività realizzata da un giovane imprenditore agricolo serrastrettese amante dell’agricoltura, della zootecnia e della tradizione nella trasformazione delle carni in particolare quella suina: Giacomo Gigliotti dell’azienda agricola Gusto e Tradizione. L’amore per il suo lavoro, deriva dalle tradizioni che le famiglie del luogo hanno tramandato da generazioni. Il maiale fino a un recente passato, era considerato una delle fonti primarie di alimentazione e dell’economia del borgo presilano, infatti coloro che avevano le possibilità acquistavano i maialetti molto piccoli o li riproducevano direttamente nei loro allevamenti nutrendoli con ghiande, castagne secche, frutta, ortaggi, patate, insomma con tutto quello che il contadino produceva nell’arco dell’anno della sua stessa produzione agricola. Ecco il modus operandi di Giacomo nel suo allevamento: continua a utilizzare i vecchi metodi insegnati da nonno Antonio e da papà Pino nell’allevare i suoi maialetti, con la sola differenza, il non avere scrofe per la riproduzione, ma acquistando i piccoli maialini direttamente da allevatori del luogo specializzati nella nascita di questi ultimi.

L’alimentazione che assicura ai suoi animali è sana e genuina in quanto, come un tempo, arriva dalle produzioni del suo orto e dei suoi boschi.

FB_IMG_1501674543034

Tradizionale è anche la lavorazione delle carni e il prodotto ottenuto.

Con l’arrivo dei mesi invernali e in particolare nel periodo che va da dicembre a fine febbraio e raggiunto un peso medio di 180-200 kg, Giacomo con il prezioso aiuto del papà e della mamma, inizia la lavorazione a mano del maiale. Mediamente tale lavorazione impegna tre giorni e i prodotti che si ricavano sono delle vere e proprie leccornie: dalla soppressata, alle salsicce dolci e piccanti e con un bel colore rosso dato dalla salsa di peperoni prodotti nella stessa azienda agricola, per poi avere capicolli, pancette, guanciali, prosciutti, ‘nduje fino all’ultima fase che permette di ottenere le cosiddette “frittule”, frisuli” e gelatina.

FB_IMG_1501674553076

Gli insaccati prodotti saranno sistemati in apposite aree, di norma situate sotto il tetto (e si dice tradizionalmente “all’aria de ceramile”) queste zone sono chiamate “sciumaturi” e sono luoghi freschi e asciutti in cui si effettuerà la stagionatura e l’affumicatura con legno di castagno o segatura di faggio. Ma il vero segreto, in questa così delicata fase, è dato dalle condizioni climatiche che solo luoghi come Serrastretta possono offrire, conferendo così al prodotto quel gusto unico che difficilmente riesce a essere ragguagliato. Giacomo, nonostante la sua giovane età, ha ben delineato il suo futuro. Egli è un promettente giovane imprenditore che con orgoglio e saper fare promuove e racconta alcuni prodotti tipici del luogo in cui vive e lo fa in maniera semplice ed efficace. Ospita nei suoi locali intenditori di gastronomia e presenta loro e fa degustare i suoi prodotti che dispone in maniera perfetta. La sua azienda è punto vendita Campagna Amica.