Pacchetto Giovani, attivo in Toscana il bando per il 2016

giovedì 8 settembre 2016 di Staff Giovani Impresa

Agricoltore che sfrutta i vantaggi del pacchetto giovaniAgricoltore che sfrutta i vantaggi del pacchetto giovani

La Regione Toscana ha di recente pubblicato il secondo bando di “Aiuto all’avviamento di imprese per giovani imprenditori agricoltori – Pacchetto Giovani, annualità 2016″ la cui scadenza è stata fissata per il 31 ottobre 2016. Come noto in Toscana il Pacchetto giovani, che si prefigge come obiettivo quello di favorire il ricambio generazionale nel settore agricolo, opera secondo una logica di “progettazione integrata” che consente di ottenere un premio per l’avviamento dell’attività agricola e dei contributi agli investimenti attraverso l’attivazione obbligatoria di almeno uno fra i seguenti tipi di operazione del Programma di Sviluppo Rurale.

  • Sottomisura 4.1 “Sostegno agli investimenti alle aziende agricole”:
    • 1.2 “Investimenti in aziende agricole in cui si insedia un giovane agricoltore” (di seguito tipo di operazione 4.1.2;
    • 1.5 “Incentivare il ricorso alle energie rinnovabili nelle aziende agricole” (di seguito tipo di operazione 4.1.5.
  • Sottomisura 6.4 “Sostegno a investimenti nella creazione e nello sviluppo di attività extra agricole”:
    • 4.1 “Diversificazione delle aziende agricole” (di seguito tipo di operazione 6.4.1)

Per poter accedere: i giovani agricoltori che si insediano per la prima volta in una azienda agricola al momento della presentazione della domanda di aiuto devono:

  • Avere un’età compresa tra i 18 anni ed i 40 anni (41 non ancora compiuti);
  • Aver preso per la prima volta la partita IVA come azienda agricola (individuale, società, cooperativa) nei 12 mesi precedenti alla presentazione della domanda di aiuto;
  • Presentare un piano aziendale per lo sviluppo dell’attività dell’azienda agricola;
  • Possedere conoscenze e competenze professionali adeguate impegnandosi a diventare IAP (imprenditore agricolo professionale) entro la data di conclusione del piano aziendale;
  • Diventare “agricoltori attivi” (art. 9 Reg. UE 1307/13) entro 18 mesi dalla data dell’insediamento (apertura partita IVA);
  • Insediarsi in un’azienda agricola che al momento della presentazione della domanda ha la potenzialità di raggiungere una dimensione espressa in termini di Standard Output (SO) non inferiore a 13.000 euro e non superiore a 190.000 euro.

Cosa prevede il finanziamento per i giovani imprenditori agricoli: un premio di primo insediamento fino a 40.000 € a fondo perduto per iniziare l’attività e fino al 60% di contributo a fondo perduto sugli investimenti. In caso di insediamenti plurimi sono erogati fino ad un massimo di cinque premi con la presentazione di un unico piano aziendale.
Termine ultimo per presentare le domande: le domande possono essere presentate fino alle ore 13 di lunedì 31 ottobre 2016.