Credit Service CreditAgri Italia, a favore dei giovani agricoltori

lunedì 23 maggio 2016 di Staff Giovani Impresa

giovane_agricoltore

Coldiretti Giovani Impresa e CreditAgri italia hanno rinnovato la loro collaborazione, offrendo ai giovani agricoltori nuovi servizi per favorire l’accesso al credito. A tal proposito è stato previsto un impegno finanziario di 100 milioni di euro l’anno, per aiutare i giovani agricoltori a sviluppare il loro progetto d’impresa, finanziando “idee” fino a 100.000 euro, senza alcuna garanzia patrimoniale richiesta.

I campi su cui si interviene sono i seguenti:

  • Riduzione dei tempi necessari per l’erogazione del credito

A chi si rivolge: ai giovani agricoltori che vogliono insediarsi attraverso i PSR o bandi ISMEA, CreditAgri Italia, dopo aver redatto l’analisi finanziaria rilascia un certificato di bancabilità, con il quale si ottiene una pre delibera da parte delle banche partner, che garantiscono l’erogazione del credito al momento dell’approvazione del progetto da parte delle istituzioni pubbliche.
Cosa fa CreditAgri Italia: anticipa l’intero ammontare del contributo richiesto entro due mesi dal rilascio del certificato di bancabilità. In tal modo i tempi dell’erogazione del credito passeranno dalla attuale stima di 20 mesi a 2 mesi.

  • Riduzione dei costi di accesso al credito

Cosa viene applicato: per favorire l’accesso al credito ai giovani agricoltori che hanno ottenuto il certificato di bancabilità, CreditAgri Italia applicherà uno sconto del 50% delle normali commissioni di garanzia, il pagamento delle stesse avverrà dopo l’erogazione del credito, il giovane avrà inoltre la possibilità di recuperare il costo relativo alla pratica di assistenza direttamente sulla misura PSR dedicata.

  • Credito agevolato

I giovani di Coldiretti avranno a disposizione, da parte di CreditAgri Italia, un pacchetto di finanziamenti per un valore annuo di € 100.000.000 con garanzie massime dell’80%. CreditAgri Italia è in grado di offrire anche linee di credito veloci e semplici, per un importo massimo di € 100.000 senza la necessità di garanzie patrimoniali.