Finanziamenti per start up nel Lazio

venerdì 24 gennaio 2014 di Staff Giovani Impresa

Finanziamenti startup - fondi disponibili nel LazioFinanziamenti startup - fondi disponibili nel Lazio

Centomila euro fino al 30 novembre per investimenti in beni materiali e immateriali. Questo l’ammontare del finanziamento per start up e piccola e media impresa, messo a disposizione da Unionfidi Lazio verso tutti i titolari di imprese costituite da non più di 21 mesi e residenti nelle province di Viterbo, Rieti, Latina, Frosinone e Roma.

Gli imprenditori potranno usufruire di finanziamenti fino a 100.000 euro a tasso agevolato e senza garanzie, per un massimo di cinque anni. I fondi copriranno gli investimenti in beni materiali e immateriali, compresi quelli effettuati nei 12 mesi antecedenti la presentazione della domanda. A beneficiare del finanziamento per start up saranno imprese del settore dell’artigianato, agricoltura, commercio e servizi, industria e turismo. La richiesta dovrà essere accompagnata da un documento di presentazione del progetto d’impresa e da un’attestazione relativa all’apporto di mezzi propri pari ad almeno il 30% del piano di investimenti da realizzare.

Il finanziamento “Nuove Imprese”, invece, mette a disposizione fondi fino a 50.000 euro per la durata massima di cinque anni. Le imprese dovranno avere sede legale e operativa nella regione Lazio ed iscrizione alla C.C.I.A.A. da non più di 18 mesi. Anche in questo caso potranno beneficiare tutte le aziende in possesso dei requisiti di cui sopra e provenienti dai seguenti settori: artigianato, agricoltura, commercio e servizi, industria e turismo.

Le imprese situate nel comune di Roma ed iscritte alla C.C.I.A.A. avranno, inoltre, la possibilità di scegliere fra altri due finanziamenti Unionfidi. Il primo potrà essere richiesto alla Banca popolare delle Marche e coprirà gli investimenti in beni materiali e immateriali. L’importo massimo finanziabile ammonta a 100.000 euro, mentre l’azienda dovrà essere stata costituita da non più di 21 mesi. Anche in questo caso il soggetto richiedente dovrà dimostrare l’apporto di mezzi propri, pari al 30% degli investimenti necessari per l’avvio o lo sviluppo dell’attività.

Nel secondo caso, invece, l’azienda dovrà essere stata costituita da non più di 24 mesi, presentare il progetto d’impresa e dimostrare l’apporto di mezzi propri pari al 30% degli investimenti.

Il finanziamento per start up dovrà essere richiesto alla Banca popolare dell’Emilia Romagna e avere come oggetto investimenti in beni materiali e immateriali.

La richiesta dei finanziamenti dovrà essere indirizzata alle rispettive banche convenzionate con Unionfidi Lazio, ovvero Unicredit, Banca popolare delle Marche e Banca popolare dell’Emilia Romagna. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito Unionfidi Lazio.