Terremoto: il bilancio nelle campagne a quasi un anno dalla tragedia

lunedì 24 luglio 2017 di Staff Giovani Impresa

Terremoto ad AmatriceTerremoto ad Amatrice

Terremoto: a quasi un anno dalla tragedia che ha colpito il Centro Italia, centinaia di agricoltori e allevatori dei territori colpiti che non si sono arresi alle scosse senza fine, si incontreranno domani 25 luglio nell’Azienda Adelio Di Marco, frazione Configno nel Comune di Amatrice (Rieti). L’incontro serve per fare un bilancio sulla situazione nelle campagne sulla ricostruzione, sul mercato e sulle produzioni alla luce del drammatico andamento climatico segnato da caldo e siccità. Sarà presentato la prima analisi Coldiretti/Ixe’ sul turismo estivo nelle zone colpite dal terremoto.

Il sisma del centro Italia ha distrutto case, stalle, fienili, magazzini, laboratori di trasformazioni e strade rurali, ma anche svuotato interi paesi facendo crollare le vendite agroalimentari. Gli agricoltori si sono impegnati per salvare le produzioni locali che saranno protagoniste dell’appuntamento, dal prosciutto al guanciale, dai salumi al pecorino, dalla patate al farro fino alle lenticchie per testimoniare la continuità produttiva di una comunità agricola che ha rialzato subito la testa, non ha abbandonato le aziende, le stalle e le campagne e ha saputo ritrovare la forza di ripartire con la solidarietà di tanti cittadini e turisti.

Per consentire il normale svolgimento dei lavori estivi, all’incontro si darà vita alla più capillare iniziativa di solidarietà per le campagne terremotate con la consegna gratuita del gasolio necessario alle aziende agricole colpite per effettuare le operazioni di raccolta, di lavorazione dei terreni, di trasporto di mangimi per gli animali e di prodotti agricoli ed alimentari per iniziativa di Coldiretti, Consorzi Agrari d’Italia, Eurocap Petroli e del Consorzio Cooperativo Finanziario per lo Sviluppo. Sarà presente il presidente nazionale di Coldiretti Roberto Moncalvo per fare il primo pieno di gasolio alla mietitrebbia del giovane imprenditore agricolo Adelio Di Marco che darà il via nell’occasione alla raccolta del grano nel suo podere.