Giovani agricoltori dell’Organizzazione mondiale degli agricoltori a Berlino

sabato 21 gennaio 2017 di Redazione Giovani Impresa

Giovani agricoltori, delegazione OMAGiovani agricoltori, delegazione OMA

Una due giorni intesa quella appena trascorsa per la delegazione di giovani agricoltori dell’Organizzazioni mondiale degli agricoltori (OMA) che da ieri si sono riuniti a Berlino, capitale tedesca che da anni ospita uno dei più importanti eventi in tema ambientale, la Green Week.

Occasione è stata dettata dalla partecipazione al Global Forum for Food and Agriculture, una conferenza internazionale dedicata al futuro del comparto agroalimentare che ogni anno vede la presenza di un importante numero di Ministri dell’Agricoltura provenienti da ogni regione del globo. Il Forum rappresenta una appunto di primo piano nell’agenda internazionale per istaurare un dialogo, condividere idee ed opinioni su un tema chiave per lo sviluppo del settore agricolo ed agroalimentare. Il tema scelto per questa edizione è stato “Agricoltura ed acqua, fattori chiave per alimentare il mondo”

Tanti gli eventi che si sono alternati, tra cui uno espressamente dedicato ai giovani agricoltori. E’ stata questa l’occasione per la delegazione dell’OMA, composta da giovani agricoltori venuti da Irlanda, Germania, Stati Uniti, Argentina, Nuova Zelanda, Uganda e Cambogia ed Italia per discutere il ruolo che la nuova generazione di agricoltori sarà chiamata ad assumere nei prossimi anni.

Una sintesi è stata presenta in occasione della Nona Conferenza dei ministri dell’Agricoltura con una dichiarazione pronunciata da Daniele Perrone, Vice Presidente Coldiretti Giovani Impresa e coordinatore del gruppo di lavoro giovani dell’OMA. Alla presenza di oltre 70 Ministri, Perrone ha ribadito l’importanza di implementare politiche volte a garantire uno sviluppo sostenibile in grado di proteggere l’ambiente e le sue risorse, in primis l’acqua. Garantire l’accesso l’acqua non è semplicemente una necessità bensì una responsabilità sociale. “I giovani agricoltori, ha dichiarato Perrone, accolgono con entusiasmo la sfida di nutrire il Pianeta ma per farlo hanno bisogno di un sostegno collettivo che ne riconosca il ruolo e ponga in essere politiche in grado di garantire un costante ed effettivo cambio generazionale in agricoltura”. Partecipazione, formazione, accesso alla terra, al credito nonché un dialogo constante e proficuo con tutti i soggetti, pubblici e privati, chiamati a delineare il futuro delle politiche agroalimentari, ecco gli elementi vincenti individuati dai giovani agricoltori per vincere la sfida di nutrire il Pianeta. In altri termini, investire sui giovani agricoltori signica investire nel futuro.