Agricoltura: al sud corsa alla terra per 18mila giovani, cambio epocale

lunedì 10 settembre 2018 di Redazione Giovani Impresa

Agricoltura giovaneAgricoltura giovane

“In controtendenza alla fuga dei giovani al Sud si registra una storica corsa alla terra per 18mila under 40 che vedono nel ritorno nelle campagne del mezzogiorno una opportunità di lavoro e di realizzazione personale”, ha dichiarato il Presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo.

La prima risposta al necessario riequilibrio tra nord e sud sta nel fatto che – afferma Moncalvo – sui 30mila giovani under 40 che nel 2016/2017 hanno presentato in Italia domanda per l’insediamento in agricoltura dei Piani di sviluppo rurale (Psr) dell’Unione Europea, ben il 61% è concentrato nel Meridione e nelle Isole. L’interesse delle nuove generazioni – sottolinea Moncalvo – richiede alle Amministrazioni pubbliche un urgente impegno per velocizzare le istruttorie dei piani di sviluppo rurale per dar gambe ai progetti di insediamento e sviluppo di queste nuove imprese.

Siamo infatti di fronte ad un cambiamento epocale che – precisa Moncalvo – non accadeva dalla rivoluzione industriale, con il mestiere della terra che è la nuova strada del futuro. L’agricoltura nel Mezzogiorno – continua Moncalvo – è oggi capace di offrire prospettive di lavoro sia a chi vuole intraprendere con idee innovative sia a chi vuole trovare una occupazione anche temporanea.

Il rilancio del Sud passa dunque dalla capacità di riuscire finalmente a sfruttare le risorse culturali e paesaggistiche e ambientali che offrono enormi opportunità all’agricoltura di qualità, all’enogastronomia e al turismo. Un nuovo modello di sviluppo che – conclude Moncalvo – passa dalla valorizzazione della distintività del territorio come hanno dimostrato di saper fare le moltissime nuove imprese condotte da giovani nate nel settore agricolo.