Trattato CETA: il Parlamento non tradisca il Made in Italy

mercoledì 5 luglio 2017 di Staff Giovani Impresa

Cesto di falsi prodotti del made in Italy prodotti in Canada la cui vendita sarà possibile grazie al trattato CetaCesto di falsi prodotti del made in Italy prodotti in Canada la cui vendita sarà possibile grazie al trattato Ceta

“Ancora una volta il settore agroalimentare è divenuto merce di scambio nelle trattative internazionali, senza alcuna considerazione del pesante impatto che ciò comporta sul piano economico, occupazionale e ambientale e della sicurezza”. E’ quanto ha affermato il presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo in occasione della mobilitazione di migliaia di agricoltori in Piazza Montecitorio, davanti al Parlamento dove è in corso la discussione per la ratifica del Trattato CETA. “E’ necessaria – sottolinea Moncalvo – una valutazione ponderata e approfondita dell’argomento, soprattutto in considerazione della mancanza di reciprocità tra modelli produttivi diversi che grava sul trattato” ha sottolineato Moncalvo all’iniziativa #stopCETA condivisa con un’inedita ed importante alleanza con altre organizzazioni (Cgil, Arci, Adusbef, Movimento Consumatori, Legambiente, Greenpeace, Slow Food, Federconsumatori e Fair Watch) che chiedono di bocciare un trattato dannoso e pericoloso per l’Italia e l’Europa.

Nel trattato CETA manca il riferimento alla portata vincolante del principio di precauzione che, in Europa, impone una condotta cautelativa nelle decisioni che riguardano questioni scientificamente controverse circa i possibili impatti sulla salute o sull’ambiente. L’accordo prevede, al contrario, l’applicazione del principio di equivalenza delle misure sanitarie e fitosanitarie tra le parti, consentendo di ottenere il mutuo riconoscimento di un prodotto (e, quindi, di evitare nuovi controlli nel paese in cui verrà venduto), dimostrandone l’equivalenza con quelli commercializzati dalla controparte. Il problema è che in Canada viene utilizzato un numero rilevante di sostanze attive vietate nel Ue. Gran parte di queste sono molecole risalenti agli anni ’70 vietate nell’Unione da circa 20 anni, tra cui l’Acefato, il Carbaryl, il Carbendazim, il Fenbutatin oxide, il Paraquat l’Acido solforico per i quali, oltre all’elevata tossicità riscontrata, sono comprovati, o comunque non sono esclusi, effetti neurotossici, cancerogeni, sulla mutagenesi, sulla riproduzione e, più in generale, sugli ecosistemi. In Canada, inoltre, è consentito l’uso della streptomicina impiegata per la lotta alle batteriosi delle colture, mentre in Italia l’utilizzo di antibiotici in agricoltura è proibito sin dal 1971. Analogamente nel paese nordamericano – ricorda la Coldiretti – vi è un diffuso impiego di Ogm nei campi e di ormoni negli allevamenti che sono anch’essi vietati in Italia.

Nei trattati – precisa Moncalvo – va riservata all’agroalimentare una specificità che tuteli la distintività della produzione fermando una escalation che mette a rischio la tutela della salute, la protezione dell’ambiente e la libertà di scelta dei consumatori. E’ il caso delle condizioni favorevoli che sono state concesse al Marocco per pomodoro da mensa, arance, clementine, fragole, cetrioli, zucchine, aglio, olio di oliva, all’Egitto per fragole, uva da tavola, finocchi e carciofi, oltre all’olio di oliva dalla Tunisia, ma a pesare sono pure gli effetti dell’embargo Russo che è costato all’Italia quasi un miliardo di euro nel solo settore agroalimentare.

“Oggi la scelta del futuro del cibo, delle aree rurali e dell’occupazione agricola è, a tutti gli effetti, una scelta politica – ha dichiarato Maria Letizia Gardoni, Presidente dei Giovani di Coldiretti – per questo il parlamento italiano è chiamato a scegliere sul futuro di tanti giovani. La nostra richiesta è  quella di affrontare tale sfida con coscienza, preparazione e amore per il nostro Paese e per coloro che tutti i giorni lavorano per renderlo grande nel mondo”.