Natale 2016, prodotti dei terremotati on line con cesti anti truffe

venerdì 9 dicembre 2016 di Redazione Giovani Impresa

Natale 2016, il giovane Giorgio Brunozzi la cui azienda ha subito forti danni in UmbriaNatale 2016, il giovane Giorgio Brunozzi la cui azienda ha subito forti danni in Umbria

Un Natale 2016 all’insegna della solidarietà con la vendita, per la prima volta on line, dei prodotti degli agricoltori e gli allevatori delle zone terremotate salvati dal sisma.  I prodotti solidali in vendita con composizioni da 30 fino a 90 euro rappresentano un aiuto per far ripartire l’economia ed occupazionale dei territori colpiti dal sisma.

Una opportunità per oltre un italiano su tre (38%) che per le festività legate al Natale 2016, secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Deloitte, effettuerà online i propri acquisti natalizi e che potrà adesso approfittare del web anche per fare solidarietà e sostenere così i produttori che non si rassegnano all’abbandono e vogliono ricominciare. Una percentuale di internauti in linea a quella europea del 40% ma che – precisa la Coldiretti – vede in Italia una maggior presenza di consumatori che prevedono di comprare tramite smartphone i regali da mettere sotto l’Albero (17% verso contro il 10% in Europa) in questo Natale 2016.

Con un semplice click è possibile ordinare on line dal sito http://ricostruire.coldiretti.it , tre diverse tipologie di cesti natalizi che raccolgono le specialità delle specifiche realtà regionali terremotate. L’indirizzo di tutte le aziende terremotate coinvolte nell’iniziativa è disponibile attraverso uno specifico banner con la possibilità – spiega la Coldiretti – di contattarle direttamente per fare acquisti personalizzati ad hoc, secondo le diverse esigenze.

I prodotti solidali in vendita con composizioni da 30 fino a 90 euro  – continua la Coldiretti –  sono per tutti i gusti e tutte le tasche. Con il più piccolo al prezzo di 30 euro con golosità che vanno tra l’altro dal pecorino di Leonessa al farro di Monteleone di Spoleto DOP fino alla schiacciata aquilana prodotta insieme ad altri salumi abruzzesi da Rinaldo D’Alessio storico produttore che ha subito diversi danni alle stalle, ma continua a prodigarsi per i suoi amati luoghi ritirando la maggior parte del latte ovino degli allevamenti colpiti dal sisma per continuare la sua pregiata produzione.

Per chi invece volesse spendere qualcosa in più per portare sulle tavole delle feste prodotti delle aziende terremotate e specialità legate fortemente a quei territori  – prosegue la Coldiretti –  l’opzione è scegliere un cesto medio da 42 euro composto da tipicità che vanno dalla cicerchia  che rappresenta un legume storico fortemente legato al territorio all’olio extravergine di Arrone fino al prelibato vino  Montefalco Doc del giovane Brunozzi Giorgio che in Umbria ha avuto gravi danni nella struttura dedicata al magazzinaggio e all’imbottigliamento del vino ma è stato gravemente danneggiato anche il locale dove Giorgio accoglie le scolaresche per la sua attività di fattoria didattica.

E per chi invece – continua la Coldiretti – volesse garantirsi il top dell’enogastronomia delle zone colpite dal sisma, contribuendo a risollevare la sorte di tante aziende duramente provate, invece, potrebbe optare per la composizione più grande che costa 90 euro e prevede appetitosissime specialità locali che vanno dalla storica lenticchia di Castelluccio di Norcia IGP allo zafferano e al miele dei Monti Sibillini, dal vino marchigiano Passerina fino ai golosi biscotti di Rita Santi di Accumuli che ha visto letteralmente crollare il laboratorio di trasformazione e il forno in cui cuoceva le sue golosità e che, pur di continuare la produzione, si è fatta ospitare da un forno romano.

Sono circa 3mila le aziende agricole a rischio nei territori terremotati dei comuni di Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo dove c’è un’elevata significativa presenza di allevamenti con oltre 100mila animali tra mucche, pecore e maiali, secondo una stima della Coldiretti che sottolinea anche la presenza di un fiorente indotto agroindustriale con caseifici, salumifici e frantoi da i quali si ottengono specialità di pregio famose in tutto il mondo che sostengono che il flusso turistico che, tra ristorazione e souvenir, è la linfa vitale per la popolazione.