Latte, la guerra continua dopo provocazione di 1cent in più al litro

sabato 14 novembre 2015 di Staff Giovani Impresa

allevatori_antitrust

C’è la volontà di alimentare tensioni nel Paese con la provocatoria offerta di 1 centesimo in più per litro di latte, che umilia il lavoro quotidiano degli allevatori italiani. E’ quanto si afferma alla conclusione del tavolo sul latte, con Assolatte al Ministero delle Politiche Agricole.
Si vuole deliberatamente destabilizzare il sistema proprio nel momento in cui la ripresa dei consumi, dell’economia e dell’occupazione fa ben sperare anche per l’agroalimentare, che è la principale voce di spesa dei cittadini.

Si rischia di annacquare i buoni risultati per il settore agricolo realizzati con la legge di stabilità varata dal Governo Renzi. Una comoda sponda per le forze che non credono nel Paese e vogliono mantenere bloccata l’Italia.
Si tratta di una chiara dimostrazione che la multinazionale francese Lactalis, proprietaria dei marchi Parmalat, Galbani, Locatelli e Invernizzi, insieme ad altri industriali vuole colpire il vero Made in Italy, fatto con latte italiano. Sembrano prevalere le ragioni di un patto scellerato tra Lactalis, quota parte dell’industria e i grandi traders del latte, per puntare sulla produzione straniera da rivendere ai consumatori italiani a prezzi maggiorati fino al 50% rispetto a quelli di altri Paesi Europei.

Il disegno è chiaramente quello di far chiudere il maggior numero di stalle, per dimezzare la produzione italiana e lucrare sull’ importazione di latte da Paesi con meno controlli e bassa qualità. Coldiretti non permetterà che questo accada e alza il livello della mobilitazione per difendere le stalle, il lavoro, il territorio da coloro che non rispettano la legge e vogliono umiliare il Paese.
Gli allevatori Coldiretti, chiedono che il compenso riconosciuto sia almeno commisurato ai costi di produzione che variano dai 38 ai 41 centesimi al litro secondo l’analisi ufficiale effettuata dall’Ismea, in attuazione della legge 91 del luglio 2015, che prevede l’obbligo di contratti a dodici mesi.