Frodi quadruplicate nell’olio d’oliva: è allarme import

sabato 27 febbraio 2016 di Staff Giovani Impresa

Frodi, nel 2015 nel settore degli oli sequestri per 29,5 milioni di euroFrodi, nel 2015 nel settore degli oli sequestri per 29,5 milioni di euro

Nel 2015 sono quadruplicate le frodi nel settore degli oli e dei grassi, con un incremento record del 278% rispetto all’anno precedente del valore dei sequestri di questi prodotti perché adulterati, contraffatti o falsificati. E’ quanto emerge da una analisi Coldiretti sulla base della preziosa attività svolta dai Carabinieri dei Nas, in occasione della presentazione del primo rapporto Olio extra vergine di oliva italiano e consumatore mondiale realizzato da Unaprol/Ixe.
Nel 2015 sono stati effettuati dai Nas sequestri nel settore degli oli e grassi per 29,5 milioni di euro, con 58 persone segnalate all’autorità giudiziaria e ben 345 segnalate all’autorità amministrativa, a fronte di 2691 controlli. In altre parole il 15% dei casi.

Un’impennata rispetto all’anno precedente dovuta al moltiplicarsi dei casi di oli di oliva importati, che vengono mescolati con quelli nazionali per diventare magicamente italiani, a danno dei produttori del nostro Paese e dei consumatori.
A questo fenomeno non è certo estraneo il fatto che nel 2015 sono aumentate del 481% le importazioni dell’olio di oliva tunisino per un totale record di oltre 90 milioni di kg.
“E’ un errore l’accesso temporaneo supplementare sul mercato dell’Unione di 35mila tonnellate di olio d’oliva tunisino a dazio zero, per il 2016 e 2017”, ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo in riferimento alle modifiche approvate dall’Europarlamento al provvedimento che dovrà ora essere riesaminato dal Consiglio Ue.

“A livello nazionale – continua Moncalvo – è ora importante dare completa applicazione alle norme già varate con la legge salva olio, la n. 9 del 2013, e di accelerare il percorso del disegno di legge che reca le nuove norme in materia di reati agroalimentari, elaborato dalla commissione presieduta da Gian Carlo Caselli, magistrato e presidente del comitato scientifico dell’Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare. Il nuovo contingente agevolato andrebbe tra l’altro ad aggiungersi alle attuali 56.700 tonnellate a dazio zero già previste dall’accordo di associazione Ue-Tunisia, portando il totale degli arrivi agevolati annuale oltre quota 90mila tonnellate, praticamente tutto l’import in Italia dal Paese africano.