Festa della Donna: mimosa regalata da 1 italiano su 4, 16% sono donne

lunedì 9 marzo 2015 di Staff Giovani Impresa

mimosa-780x480

Per la Festa della Donna, quasi 1 italiano su 4 (23%) ha regalato la tradizionale mimosa, ma la novità quest’anno è che ben il 16% delle donne ha acquistato mimose da regalare a sé stessa o ad altre donne. È quanto emerge da un’indagine Coldiretti/Ixè in occasione dell’8 marzo, che conferma il tradizionale fiore come simbolo della festa della donna.
Il 6% degli italiani ha invece festeggiato l’appuntamento con fiori diversi dalla mimosa, mentre il 9% ha deciso di optare per un dono non floreale, contro il 58% che non ha acquistato niente.
L’indagine evidenzia inoltre l’intraprendenza delle donne in Italia, dove sono state conquistate posizioni autorevoli nella società e nell’economia, che si trasferisce anche nelle scelte di acquisto.

È nel 1946 che la mimosa diviene il simbolo della festa della donna, perché sboccia in questo periodo e assume il significato di autonomia e libertà. Un fiore che dietro una fragilità apparente mostra una grande forza, con la capacità di crescere anche in terreni difficili.
La mimosa ha anche un importante valore ambientale, perché è realizzata in Italia con tecniche eco-compatibili, soprattutto nei tipici terrazzamenti che si affacciano sul mare, altrimenti destinati al degrado e all’abbandono. I ramoscelli offerti sono praticamente tutti di produzione nazionale e in gran parte provenienti dalla provincia di Imperia, in Liguria, dove operano circa 1600 produttori e si realizza oltre il 95% della produzione Made in Italy. Circa il 40% viene invece destinato all’esportazione sul mercato olandese, ma anche in quello svizzero, francese e del nord Europa.

Per conservare la mimosa, è bene tagliare quanto prima gli steli, che devono rimanere per 2 ore in acqua pulita e inacidita con due gocce di limone. Vanno quindi collocati in penombra e mantenuti in ambiente fresco e umido, perché la mimosa rilascia molta acqua attraverso la traspirazione, e bisogna evitare che la grande perdita di liquidi faccia seccare rapidamente il fiore.