Caldo record: consumi stravolti dal +3% di frutta al +19% di gelati

mercoledì 16 agosto 2017 di Staff Giovani Impresa

Gelato a gusti assortiti per combattere il caldo recordGelato a gusti assortiti per combattere il caldo record

Il caldo record di questa estate 2017 stravolge i consumi degli italiani. Nel carrello della spesa, infatti, è aumentata del +3% l’ortofrutta, del +17% l’acqua non gassata e del +19% sono aumentati i gelati in vaschetta. E’ quanto si afferma sulla base dei dati Nielsen relativi al giugno 2017 che si è classificato al secondo posto tra i più caldi dal 1800 secondo il Cnr. Ad aumentare sono anche i consumi di mozzarella con un +13% come le bevande a base di the, mentre per le birre alcoliche chiare, con gradazione inferiore ai sei gradi, il balzo è dell’11%. L’anomalia climatica ha dunque influenzato e non poco, i comportamenti e consumi. Gli italiani che non escono di casa, cucinano meno e fanno aumentare gli acquisti di cibi pronti e rinfrescanti oltre che di bibite e frutta che ha fatto registrare nel 2017, il record degli acquisti degli ultimi 17 anni.

Un andamento influenzato dalle condizioni meteorologiche, ma anche da uno stile di vita più salutistico con il ritorno della dieta mediterranea. Un vero boom con l’affermarsi di smoothies, frullati e centrifugati consumati al bar, in spiaggia o anche a casa di frutta e verdura che soddisfa molteplici esigenze del corpo: nutrono, dissetano, reintegrano i sali minerali persi con il sudore, riforniscono di vitamine, mantengono in efficienza l’apparato intestinale con il loro apporto di fibre e si oppongono all’azione dei radicali liberi prodotti nell’organismo dall’esposizione al sole, nel modo più naturale e appetitoso possibile.

Antiossidanti “naturali” sono infatti le vitamine A, C ed E che sono contenute in abbondanza in frutta e verdura fresca. Peraltro quest’anno la frutta che si è salvata da nubifragi e siccità è dolcissima per le condizioni climatiche che hanno garantito un elevato grado zuccherino e di sostanze antiossidanti (vitamine, antociani e betacaroteni). Purtroppo però nelle campagne si soffre per i prezzi in calo fino al 40% che non coprono i costi di produzione, per effetto delle distorsioni del mercato.