Agricoltura, mobilitazione in difesa delle arance Made in Italy

martedì 8 marzo 2016 di Staff Giovani Impresa

Soc. Agr. AgroPiccoloSoc. Agr. AgroPiccolo

A difesa dell’agricoltura Made in Italy, che rischia di perdere i prodotti simbolo come le arance, ma anche i pomodori, il grano, l’olio e il latte sotto attacco delle politiche comunitarie, delle distorsioni di mercato e delle agromafie, migliaia di agricoltori del sud che si sono dati appuntamento a giovedi 10 marzo 2016 alle ore 9,30 a Catania al Teatro Metropolitan e nell’area circostante in Via Sant’Euplio, 21. La mobilitazione di Coldiretti parte dal mezzogiorno, dove gli agricoltori porteranno le testimonianze sulle difficoltà di fare impresa, ma anche storie di successo, opportunità e proposte per la ripresa economica, occupazionale e per la tutela ambientale.

Sarà presente il Presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo con l’intera giunta nazionale insieme a numerosi ospiti: dal Ministro dell’ambiente Gianluca Galletti, al Presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta, fino al presidente della Regione Calabria Mario Oliverio, le due Regioni dove si produce oltre l’80% degli agrumi italiani. Sarà presentato il primo studio sul rischio estinzione della vera spremuta italiana, con analisi sui consumi e sulla produzione, ma anche dimostrazioni pratiche e consigli per fare scelte di acquisto consapevoli.

Per la prima volta verrà mostrata nell’Isola, l’inquietante collezione dei più scandalosi prodotti agroalimentari, venduti in Italia, in Europa e nel mondo con nomi che richiamano gli episodi, i luoghi e i personaggi della Mafia, che vengono sfruttati per fare un business senza scrupoli, sul dolore delle vittime a danno dell’immagine del Paese.