A Expo 2015, il significato dei fiori in un manuale salva gaffe

giovedì 15 ottobre 2015 di Staff Giovani Impresa

fiori expo 2015

Sono 8 milioni gli italiani che regalano fiori per esprimere un sentimento di amore, affetto o riconoscenza, ma di questi 1 su 4 sono uomini che, conoscendo poco il linguaggio dei fiori, rischiano di fare imbarazzanti gaffe e di ottenere dal loro gesto un effetto contrario a quello sperato. È quanto afferma la Coldiretti che, in occasione della Festa dei Fiori a Expo 2015, ha messo a punto al padiglione Coldiretti No farmers no party all’ingresso del Cardo sud, con l’aiuto del flowers coach, un manuale salva gaffe con i messaggi che i fiori nascondono. Il linguaggio dei fiori, infatti, è particolarmente complesso ed è importante scegliere il fiore più adatto ai propri sentimenti, tra i tanti offerti dall’ampia varietà dell’offerta Made in Italy.

Il mazzo di rose deve essere sempre composto in numero dispari di fiori, che nei loro colori possono comunicare sensazioni differenti. Se le rose rosse significano passione ardente, quelle bianche testimoniano l’amore puro e spirituale, mentre il color corallo rivela il desiderio. Ancora la rosa muschiata significa bellezza capricciosa, il color pesca palesa un amore segreto, l’arancio esprime fascino, il rosa amicizia, affetto e gratitudine. Particolare attenzione va prestata alla rosa di colore giallo, perché oltre a simboleggiare un amore disperato per l’assillante gelosia, potrebbe significare anche tradimento o amore in declino.

Il ranuncolo simboleggia bellezza malinconica, mentre la calendula è ambasciatrice di dedizione, ma anche di pene d’amore e potrebbe rappresentare la sofferenza dell’innamorato non corrisposto. Anche il garofano e il tulipano hanno un loro particolare significato a seconda del colore. Il garofano bianco significa fedeltà, quello giallo eleganza, quello rosa amore reciproco e quello rosso amore vivo e intenso. Per il tulipano, il colore rosso esprime una dolce dichiarazione d’amore, lo screziato complimenti per gli occhi della persona amata e il giallo amore disperato. E il papavero, simbolo di tranquillità e serenità, è perfetto per chi voglia rassicurare il partner e comunicargli che tutto procede per il meglio.

L’anemone, fiore di brevissima durata e di altrettanta fragilità, significa malattia e abbandono, ma anche speranza e attesa, espresse dalla singolare bellezza del fiore. La bocca di leone viene considerato da sempre il fiore del capriccio. Nel medioevo, infatti, le ragazze erano solite ornarsi i capelli con questi fiori per rifiutare i corteggiatori non desiderati. Per questo la valenza generalmente riconosciuta alla bocca di leone è l’indifferenza e il disinteresse. La bellissima foglia rossa a forma di cuore dell’anthurium non è casuale, e infatti questo fiore viene associato ai più alti sentimenti, come amore e amicizia, ed è per questo, insieme alla rosa, uno dei fiori più regalati nel giorno di San Valentino. Infine, avvicinandoci alla ricorrenza del 2 novembre, come non ricordare il crisantemo, che fiorisce alla fine di ottobre e proprio per la concomitanza della fioritura con la celebrazione dei defunti si è visto attribuire un significato funesto. In realtà il fiore d’oro nel mondo orientale è associato a valenze assolutamente positive, come matrimoni e compleanni, e il suo significato è quindi quello della vita e della felicità.